DiSTAR

Didattica

Info utili

DOTTORATO XXXI CICLO

 

Cognome e nome Nardò Sergio
Email sergio.nardo@unina.it
Area di Ricerca Geomorfologia, Tettonica, Remote Sensing
Tutor Alessandra Ascione
Co-Tutor Domenico Calcaterra, Stefano Mazzoli,Pier Paolo Bruno
Titolo della Tesi Analisi della deformazione superficiale in aree sismicamente attive dell’Appennino mediante integrazione di dati da interferometria SAR e geomorfologico – strutturali
Progetto
I recenti sviluppi della geodesia da satellite (SAR e GPS) stanno fornendo una nuova prospettiva alla comprensione dei processi tettonici continentali attraverso l'osservazione di fenomeni asismici, di deformazione intersismica e cosismica e di rilassamento postsismico.
Il progetto di ricerca utilizza dati derivanti da Interferometric Synthetic Aperture Radar (InSAR) e Differential InSAR (DInSAR): successivi interferogrammi possono essere convertiti in mappe di deformazione, anche in riferimento a specifici eventi.
Saranno utilizzati principalmente dati InSAR dei satelliti ERS, RADARSAT ed ENVISAT ma anche di Cosmo SkyMed e Sentinel1.
Lo scopo della ricerca è raccogliere ed analizzare dati in riferimento a:
1. la deformazione postsismica relativa al sisma dell'Irpinia del 1980, dalla scala del singolo sistema di faglie interessante la catena montuosa degli Appennini della regione Campania come ad esempio al M.te Marzano (SA);
2. la deformazione cosismica ed intersismica relativa a sequenze di terremoti che hanno interessato il gruppo montuoso del Matese nel dicembre del 2013 con un evento di M=4.9, anche con dati da Cosmo SkyMed se disponibili;
3. il tasso della forte subsidenza di zone quasi asismiche nell'ampia zona della Piana del Volturno.
Le precedenti conoscenze in geologia e geomorfologia del Quaternario e nuovi rilevamenti di campagna forniranno i necessari vincoli interpretativi e la cd. "verità a terra".