DiSTAR

Didattica

Info utili

DOTTORATO DI RICERCA
Scienze della Terra, dell’Ambiente e delle Risorse
XXXI CICLO
 
Temi di Ricerca
La comprensione e la definizione degli aspetti geologici sia statici che evolutivi è indispensabile per ogni ipotesi di gestione del territorio e dell'ambiente. Il dottorato in Scienze della Terra, dell’Ambiente e delle RIsorse si propone di formare un ricercatore con cognizioni sia specifiche che trasversali, in grado di coordinare attività differenziate per l’analisi geologica del territorio e per lo studio delle interazioni uomo-ambiente che si legano agli attributi statici e dinamici dell’ambiente fisico. Ciò è particolarmente valido per la complessa gestione del territorio Napoletano e Campano, ad elevato rischio sismico, vulcanico, idrogeologico ed ambientale (patrimonio artistico-culturale e inquinamento da rifiuti).
 
Le tematiche di ricerca prevederanno aspetti legati a:
- fenomeni geologici pregressi (con le loro influenze sulla distribuzione ed entità delle geo-risorse);
- fenomeni geologici connessi alle dinamiche recenti ed attuali (con le loro influenze sulla distribuzione ed intensità dei rischi);
- esplorazione del sottosuolo mediante applicazione e sviluppo di tecnologie di indagine geofisica, geochimica e geologico-applicativa, spaziando dal monitoraggio, anche a fini predittivi, al modelling 3D di parametri fisici e chimici.
 
In particolare, le tematiche di interesse per il XXXI Ciclo sono:
Modello di esplorazione geochimica per i depositi epitermici: il caso del deposito epitermico di Pb e Zn di Zhaojikou, Provincia Anhui, Cina (Prof. S. Albanese)
 
Valutazione della pericolosità da frane a cinematica intermittente e/o rapida dell’Italia meridionale (Prof. D. Calcaterra)
 
Caratterizzazione deterministica e stima della pericolosità degli eventi pluviometrici che innescano i fenomeni di colata detritica lungo i versanti delle aree perivesuviana e flegrea (Prof. D. Calcaterra)
 
Indagini isotopiche sulle associazioni mafiche-ultramafiche delle ofioliti calabro-lucane (Prof. M. D’ Antonio)
 
Approcci integrati ed innovativi per la gestione e salvaguardia degli acquiferi vulcanici (Prof. P. De Vita)
 
Ricerche ambientali sulla geochimica degli inquinanti organici persistenti (POPs) come strumento di valutazione dell’esposizione al rischio chimico e applicazione di rimedi basati su foto-catalizzatori TiO2 in suoli contaminati da POPs (Prof. B. De Vivo)
 
Ricostruzione integrata ad alta risoluzione dei cambiamenti climatici olocenici mediante tecniche di analisi CoDA (Prof. V. Di Donato)
 
Sviluppo di tecniche elettromagnetiche di imaging per la ricostruzione di strutture crostali complesse (Prof. R. Di Maio)
 
Stratigrafia sequenziale e ciclicità climatica del Cretaceo inferiore e medio e impatto sulla stratigrafia meccanica delle successioni carbonatiche (Prof. A. Iannace)
 
Evoluzione magmatica associata all’attività vulcanica recente (<15 ka) dei Campi Flegrei (CF), attraverso studi sulle inclusioni fluide, relazioni tra contenuto di volativi pre-eruttivo del magma e stile eruttivo (Prof. A. Lima)
 
Studio dell’evoluzione tettonica di catene a pieghe e sovrascorrimenti (esempi e confronti da Appennino, Cordigliera Betica, Carpazi, Ellenidi, Zagros) attraverso la costruzione di sezioni bilanciate con retrodeformazione sequenziale (Prof. S. Mazzoli)
 
Architettura di faglie normali lungo il settore onshore del margine continentale del Mozambico, Africa orientale (Prof. S. Mazzoli)
 
Caratterizzazione mineralogica e petrografica di argille campane e loro utilizzo nella produzione di ceramiche d’interesse archeologico (Prof. V. Morra)
 
Analisi dei sistemi integrati laguna-duna-spiaggia di tipo mediterraneo in relazione alle variazioni climatico-ambientali ed antropiche nel tardo-Quaternario (Prof. M. Pennetta)
 
Dinamica degli ecosistemi terrestri e impatto del fuoco nel Paleolitico dell’Italia centro-meridionale (Prof. E. Russo Ermolli)
 
Caratterizzazione del petroleum system associato al  fold and thrust belt nella regione del Lurestan, Iran nord-occidentale (Prof. S. Vitale)
 
La formazione di tali specialisti verrà realizzata nel contesto di collaborazioni internazionali di alto profilo.
 
 
Organizzazione dei corsi e Attività didattica
Nell'iter formativo saranno previsti sia insegnamenti ad hoc che insegnamenti mutuati da corsi di laurea magistrale: per alcuni di essi è prevista anche una verifica finale.
Saranno inoltre previsiti cicli seminariali e soggiorni di ricerca in Italia e all’Estero.
 
 

Membri del Collegio dei Docenti

 
 

Elenco dottorandi

Cognome Nome Scheda personale
   
Carbonari Rolando
Finicelli Gianfranco
Melchionna Marina
Nardò Sergio
Prinzi Ernesto Paolo
Thiombane Matar
Vinci Francesco
Vitagliano Eleonora
Vitale Andrea