Giornata di studio in Memoria di Paola Romano

 

Il record dell’eustatismo tardo-quaternario lungo le coste del Mediterraneo:

stato delle conoscenze, aspetti metodologici e casi studio recenti

 
Napoli, 24 giugno 2016 - Chiesa dei Santi Marcellino e Festo - Largo San Marcellino 10
Coordinatori: Ludovico Brancaccio e Aldo Cinque
 
In occasione della Giornata di Studio, sarà presentato e reso disponibile in download il volume
 
Programma definitivo
 
9,15 Apertura della giornata di studio
9,30 Saluti istituzionali e presentazione del programma
 
Relazioni ad invito
10,00 Daniela Giampaola (Soprintendenza Archeologica della Campania). Lo scavo del porto antico di Napoli: archeologia e geomorfologia (Piazza Municipio 2004-2015).
10,30 Christophe Morhange (CEREGE Aix-Marseille). A geomorphological journey with Paola through the Calanques of Marseille: insights into the coast's karstic landscape and the Palaeolithic Coasquer cave.
11,00 Maria Ruello (Università Federico II). Le ultime ricerche di Paola: evoluzione olocenica dei paesaggi costieri della Calabria tirrenica.
 
11,30 -12,00 Coffee break
 
12,00 Niki Elvepidou (Università di Atene). Sea level indicators: use, value, constrains.
12,30 Paola Tuccimei (Università Roma Tre). Gli speleotemi delle grotte costiere: uno strumento per la ricostruzione delle fluttuazioni del livello del mare.
13,00 Matteo Vacchi (CEREGE Aix-Marseille). Variazioni oloceniche del livello del mare nel Mediterraneo occidentale. Variabilità spaziale, accuratezza degli indicatori e valutazione del contributo isostatico.
 
13,30-15,00 Pausa pranzo
 
15,00 Marco Anzidei (INGV Roma). Sea level change and vertical motion of the land in the Mediterranean: evidences from the past and projections for 2100.
15,30 Giuseppe Mastronuzzi (Università di Bari). Evoluzione paleogeografica dell'area della Riserva Marina di Torre Guaceto nell'ultimo ciclo glaciale.
 
Relazioni brevi
16,00 Enrico Miccadei ( Università di Chieti-Pescara). Evoluzione geomorfologica quaternaria delle Isole Tremiti.
16,10 Gaia Mattei (Università Parthenope). Variazioni relative del livello marino dall’epoca romana ad oggi lungo la costa di Posillipo. Primi risultati di uno studio geoarcheologico.
16,20 Maria Rosaria Senatore (Università del Sannio). Il paesaggio di Pompei nel 79 AD: nuovi dati sul canale artificiale messo in luce nella zona a nord della città.
16,30 Carmen Rosskopf (Università del Molise).- Un approccio geo-archeologico integrato per lo studio dell'evoluzione geomorfologica e antropica recente della piana costiera del Fiume Biferno (Molise, Italia).
16,40 Carlo Donadio (Università Federico II). Aspetti geomorfologici e geoarcheologici di alcuni siti sommersi in Campania: geoindicatori di moti verticali recenti del suolo.
 
16,50 Chiusura convegno e saluti.
 
 
--------
 
 

Giornata di studio in Memoria di Paola Romano

Con il Patrocinio di DISTAR e AIQUA

 

Il record dell’eustatismo tardo-quaternario lungo le coste del Mediterraneo:

stato delle conoscenze, aspetti metodologici e casi studio recenti

 
Napoli, 24 giugno 2016
Sede: Distar - Università di Napoli Federico II -  Largo San Marcellino 10, Napoli.
Coordinatori: Ludovico Brancaccio e Aldo Cinque
 
 
Questa giornata di studio intende commemorare la prof.ssa Paola Romano, prematuramente scomparsa lo scorso novembre, radunando amici e colleghi per discutere di una tematica cui Paola dedicò appassionatamente tanta parte della sua attività scientifica e didattica. Pur essendosi infatti occupata di diversi filoni di ricerca, che vanno dall’analisi di lungo termine dell’evoluzione del rilievo allo studio della morfodinamica dei versanti e dei bacini torrentizi, Paola ha caratterizzato in maniera significativa il suo percorso scientifico soprattutto attraverso studi sulle variazioni plano-altimetriche della linea di costa  durante il Quaternario. In questo campo ha contribuito ad arricchire, coinvolgendo con grande generosità colleghi e studenti, il quadro delle conoscenze sulla distribuzione delle paleolinee di riva lungo le coste della Campania e della Calabria. Negli ultimi anni ha ulteriormente approfondito questo tema studiando importanti aree archeologiche costiere, fra cui Parthenope e Neapolis, Cumae, Puteoli, Elea-Velia e Punta  di Zambrone. I principali risultati di queste ricerche hanno permesso di ricostruire l’evoluzione dei paesaggi costieri nell’Olocene e l’impatto dell’uomo sulle dinamicheambientali.
Con la volontà di offrire alla comunità scientifica un momento di discussione e di riflessione critica che possa essere, soprattutto per i ricercatori più giovani, anche un momento di formazione, abbiamo  organizzato questa giornata di studio che avrà come focus il record dell’eustatismo tardo quaternario lungo le coste del Mediterraneo e la geoarcheologia delle aree costiere.
La giornata prevede una serie di relazioni ad invito su argomenti di rilevanza internazionale, che metteranno a fuoco lo stato dell’arte sui principali temi e metodologie di studio. Il pomeriggio sarà dedicato alla presentazione di relazioni brevi (10 minuti) e posters. Saranno particolarmente benvenuti i contributi di giovani ricercatori che avranno modo di illustrare lo stato di avanzamento delle loro ricerche.
I lavori presentati saranno raccolti in un volume speciale di AMQ (Alpine and Mediterranean Quaternary).

Modalità di partecipazione
 
La partecipazione alla giornata è gratuita. L’iscrizione può essere effettuata entro il 31 maggio  2016 inviando il modulo compilato all’indirizzo nicsanta@unina.it. Sullo stesso modulo è possibile indicare l’intenzione di presentare una breve relazione e/o un poster e allegare un abstract (in inglese). Per questioni organizzative, anche chi desidera partecipare senza presentare relazioni e/o posters, dovrà inviare il modulo compilato.
 
 
Programma preliminare
Il convegno aprirà alle 9,30 e si chiuderà alle 18.
 
L’elenco preciso dell’ordine e degli orari dei singoli interventi verrà fornita con la terza circolare.
 
 
Sono confermate le seguenti Relazioni ad invito:
 
Daniela Giampaola (Soprintendenza Archeologica della Campania). Lo scavo del porto antico di Napoli: archeologia e geomorfologia (Piazza Municipio 2004-2015)
Christophe Morhange (CEREGE Aix-Marseille). A geomorphological journey with Paola through the Calanques of Marseille: insights into the coast's karstic landscape and the Palaeolithic Coasquer cave.
Niki Elvepidou (Università di Atene). Sea level indicators: use, value, constrains.
 
Paola Tuccimei (Roma Tre). Gli speleotemi delle grotte costiere: uno strumento per la ricostruzione delle fluttuazioni del livello del mare.
Marco Anzidei (INGV Roma). Sea level change and vertical motion of the land in the Mediterranean: evidences from the past and projections for 2100.
Giuseppe Mastronuzzi (Università di Bari). Studio interdisciplinare dell'evoluzione paleogeografica dell'Area Marina Protetta di Torre Guaceto nell'ultimo ciclo glaciale-interglaciale.
Matteo Vacchi (CEREGE Aix-Marseille). Variazioni oloceniche del livello del mare nel Mediterraneo occidentale. Variabilità spaziale, accuratezza degli indicatori e valutazione del contributo isostatico.
Maria Ruello (Napoli Federico II). Le ultime ricerche di Paola: evoluzione olocenica dei paesaggi costieri della Calabria tirrenica.

MODULO  DI ISCRIZIONE

 
 
Giornata di studio in Memoria di Paola Romano
Il record dell’eustatismo tardo-quaternario lungo le coste del Mediterraneo:
stato delle conoscenze, aspetti metodologici e casi studio recenti
 
Napoli, 24 giugno 2016 – Chiesa dei Santi Marcellino e Festo -  Largo San Marcellino 10
 
 
NOME E  COGNOME ______________________                                                                                                                                      
 
AFFILIAZIONE ____________________________                                                                                                                                           
 
E-MAIL  __________________________________                                                                                                                                                         
 
TEL-CELL   _______________________________                                                                                                                                                    
 
 
INTENDO PRESENTARE UNA RELAZIONE                                    SI                      NO
 
INTENDO PRESENTARE UN POSTER                                            SI                      NO
 
TITOLO
 
AUTORI
 
ABSTRACT (max 300 parole)                                                          SI                      NO

 
 
 
 
Prima circolare
 
Questa giornata di studio intende commemorare la prof.ssa Paola Romano, prematuramente scomparsa lo scorso novembre, radunando amici e colleghi per discutere di una tematica di ricerca cui Paola dedicò appassionatamente tanta parte della sua attività scientifica e didattica. Pur essendosi infatti occupata di diversi filoni di ricerca, che vanno dall’analisi di lungo termine dell’evoluzione del rilievo allo studio della morfodinamica dei versanti e dei bacini torrentizi, Paola ha caratterizzato in maniera significativa il suo percorso scientifico soprattutto attraverso studi sulle variazioni plano-altimetriche della linea di costa durante il Quaternario. In questo campo ha contribuito ad arricchire, coinvolgendo con grande generosità colleghi e studenti, il quadro delle conoscenze sulla distribuzione delle paleolinee di riva lungo le coste della Campania e della Calabria. Negli ultimi anni ha ulteriormente approfondito questo tema studiando importanti 
aree archeologiche costiere, fra cui Parthenope e Neapolis, Cumae, Puteoli, Elea-Velia e Punta di Zambrone. I principali risultati di queste ricerche hanno permesso di ricostruire l’evoluzione dei paesaggi costieri nell’Olocene e l’impatto dell’uomo sulle dinamiche ambientali. 
Con la volontà di offrire alla comunità scientifica un momento di discussione e di riflessione critica che possa essere, soprattutto per i ricercatori più giovani, anche un momento di formazione, abbiamo organizzato questa giornata di studio che avrà come focus il record dell’eustatismo tardo quaternario lungo le coste del Mediterraneo e la geoarcheologia delle aree costiere.
La prima parte della giornata prevede una serie di relazioni ad invito, su argomenti di rilevanza internazionale, che metteranno a fuoco lo stato dell’arte sui principali temi e metodologie di studio. Il pomeriggio sarà dedicato alla presentazione di relazioni brevi (10 minuti) e posters.Saranno particolarmente benvenuti i contributi di giovani ricercatori che avranno modo di illustrare lo stato di avanzamento delle loro ricerche. 
I lavori presentati saranno raccolti in un volume speciale di AMQ, la rivista ufficiale dell’AIQUA, che patrocina questa iniziativa insieme al DISTAR.
 
 
Modalità di iscrizione
 
La partecipazione alla giornata è gratuita. L’iscrizione può essere effettuata entro il 25 maggio 2016 inviando il modulo compilato all’indirizzo nicsanta@unina.it. Sullo stesso modulo è possibile indicare l’intenzione di presentare una breve relazione e/o un poster e allegare un abstract.
 
Programma preliminare
 
Ore 10 : Apertura della giornata di studio con un ricordo di Paola Romano e presentazione del programma Mattinata :
 
Relazioni ad invito
  • Niki Elvepidou (Università di Atene). Sea level indicators: use, value, constrains.
  • Paola Tuccimei (Roma Tre). Gli speleotemi delle grotte costiere: uno strumento per la ricostruzione delle fluttuazioni del livello del mare.
  • Matteo Vacchi (CEREGE Aix-Marseille). Variazioni oloceniche del livello del mare nel Mediterraneo occidentale. Variabilità spaziale, accuratezza degli indicatori e valutazione del contributo 
  • isostatico.
  • Daniela Giampaola (Soprintendenza Archeologica della Campania). Gli indicatori archeologici del livello del mare: il caso di Neapolis.
  • Christophe Mohrange (CEREGE Aix-Marseille). A geomorphological journey with Paola through the Calanques of Marseille: insights into the coast's karstic landscape and the Palaeolithic Coasquer cave.
  • Aldo Cinque (Napoli Federico II). Le ultime ricerche di Paola: evoluzione olocenica dei paesaggi costieri della Calabria tirrenica.Pomeriggio : Relazioni brevi (10 minuti) e/o posters
 
 
Pomeriggio : Relazioni brevi (10 minuti) e/o posters