DiSTAR

Didattica

Info utili

INC Lab (Laboratorio di Inclusioni Fluide e Silicatiche)

www.fluidenv.unina.it

 

Responsabile del Laboratorio (RaDOR): Dr. Claudia Cannatelli
 
I ricercatori strutturati afferenti alla tematica di ricerca: Prof. Benedetto De Vivo, Prof. Annamaria Lima, Dr Claudia Cannatelli, Dr Stefano Albanese
Ricercatori non-strutturati:Dr Angela Doherty
Dottorandi: D. Zamboni

 

Le inclusioni fluide (FI) sono piccole gocce di soluzione acquose, gassose o di altri fluidi che si rinvengono nei minerali provenienti dai più svariati contesti geologici. Le inclusioni silicatiche (melt) si differenziano dalle FI in quanto hanno intrappolato piccole gocce di magma. Le IF sono un valido strumento di indagine in molteplici studi come: la genesi dei giacimenti minerari, la ricerca petrolifera, lo studio dei campi geotermici, dei siti idonei per lo stoccaggio di materiali radioattivi. Anche i melts, unitamente alle FI, sono molto utilizzate in vari settori di ricerca come in petrologia, magmatologia e vulcanologia. Il laboratorio INC Lab si occupa sia dello studio di inclusioni fluide che silicatiche (melts). In particolare, in questi ultimi anni, sono stati pubblicati numerosi studi sul distretto vulcanico napoletano (Vesuvio, Campi Flegrei, Procida, Ischia), sulle isole Azzorre e sulle Isole Eolie. Le inclusioni, sia fluide che silicatiche, sono state utilizzate come geobarometro e per lo studio e la definizione del ruolo giocato dai componenti volatili (H2O,CO2, Cl, F, S) nelle eruzioni esplosive. 
 
Inclusioni silicatiche intrappolate in un cristallo di olivina (Vesuvio, Italia)
Inclusione silicatica intrappolata in un cristallo di olivina (Campi Flegrei, Italia)
 
Il laboratorio è dotato di tavolini riscaldanti-raffreddanti per lo studio di inclusioni fluide (Linkam 600 e 1300), di un tavolino Linkam TXY1400 (riscaldante/congelante), Vernadsky (riscaldante) e fornace verticale a rapido raffreddamento (quenching) per l’omogeneizzazione delle inclusioni silicatiche, di microscopi ZEISS a luce trasmessa e riflessa, e dell’attrezzatura necessaria per la separazione dei cristalli dalla roccia e per la loro preparazione per lo studio delle inclusioni in essi contenute.