Image

Il Dipartimento di Scienze della Terra, dell'Ambiente e delle Risorse attraverso l'Università degli studi di Napoli Federico II è presente alla Notte Europea dei Ricercatori MEET ME TONIGHT, che si terrà il giorno 27 e 28 novembre 2020  (https://www.nottedeiricercatori.it/ ; https://www.meetmetonight.it/).

Per la prenotazione delle scuole alle attività, è richiesta la compilazione del form al link

https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLSdbKGKgsYio7g5-X3GOUZGQ-sakgvhImBylQDwvEORCaiJdqA/viewform

Le attività proposte

Il segnale GPS: uno strumento non convenzionale per la stima del vapor d'acqua atmosferico

Venerdì 27 novembre, ore 13:00

Dimostrazioni interattive saranno proposte per sensibilizzare il pubblico sulle attuali molteplici applicazioni del segnale GPS, utile non solo alla localizzazione e navigazione, ma anche alla determinazione del contenuto d’acqua in atmosfera. In particolare, le dimostrazioni mostreranno come sia possibile stimare il contenuto d’acqua troposferico dal ritardo subito dal segnale GPS e come questo sia utile per le previsioni di eventi meteorici intensi. Video e dimostrazioni sono stati proposti dal recente progetto europeo TRYAT (TRack Your ATmosphere) [Erasmus+ Project 2017-1-DE02-KA202-004229], che ha visto la partecipazione del DiSTAR (https://www.tryat.eu/).

Terra: storia di un pianeta speciale
raccontata da un geologo e un biologo

Venerdì 27 novembre, ore 10:00

 L'attività racconta la storia evolutiva del nostro Pianeta attraverso il dialogo a due voci tra un geologo e un biologo. L'obiettivo è di mostrare in modo interattivo le principali tappe dell'evoluzione del pianeta Terra utilizzando filmati e campioni di rocce. Al centro della narrazione sarà lo sviluppo delle condizioni di abitabilità del nostro pianeta, la storia dell'ossigeno e l'evoluzione della vita.

Le variazioni climatiche e analogie musicali

Venerdì 27 novembre, ore 12:00

 Presentazioni e dimostrazioni interattive illustreranno le cause delle variazioni climatiche legate ai moti del nostro Pianeta e come tali variazioni possono essere rivelate dallo studio dei sedimenti marini. Il pubblico sarà guidato alla conoscenza di tali complessi temi geologici attraverso analoghi musicali che convertiranno segnali della Terra della durata di milioni di anni in suoni e ritmi.

Viaggio nella grotta di Lascaux :da spettatori a cittadini del mondo

Venerdì 27 novembre, ore 18

Sabato 28 novembre, ore 12

 

Obiettivi dell’attività

L’attività, che sarà condotta da remoto, mira a far rivivere ai giovanissimi partecipanti l’esperienza della scoperta del mondo naturale a partire dai materiali (pavimentazione, marmi e pietre) disponibili nelle proprie abitazioni. Si ripercorreranno, attraverso modalità di apprendimento legate al gioco, le principali fasi che hanno caratterizzato la scoperta e l’aperura al pubblico della grotta di Lascaux (Francia). La grotta, individuata inaspettatamente a ridosso della Seconda Guerra Mondiale, è stata visitata per molti anni da spettatori di tutto il mondo, poi è stata chiusa al pubblico per il deterioramento delle pareti e recentemente è stata resa accessibile attraverso una installazione tridimensionale e permanente nel Museo Lascaux IV di Montignac.

 

Come si svolge l’attività

L’attività è diretta a bambini di scuola elementare e ai loro genitori; durerà 30 minuti e si articolerà in tre momenti: 1) presentazione della grotta di Lascaux con fotografie di repertorio, tabelle e didascalie; 2) lancio del gioco da svolgere nella propria casa; 3) visione finale del video su Lascaux IV con il fine di evidenziare i nessi tra la scoperta rupestre e l’attività avvenuta in casa e far emergere il significato delle piccole scoperte fatte dai partecipanti e il ruolo della scienza, dell’educazione e dell’istituzione universitaria nel rendere possibile l’accesso alla scoperta.


Cosa serve per partecipare

1 computer, 1 cellulare, fogli di carta (velina o normale), pastelli/pennarelli, scotch carta.

Stampa   Email