DiSTAR

Didattica

Info utili

Ciclo XXVIII

Analisi dei Sistemi Ambientali

 
Descrizione Corso ANALISI DEI SISTEMI AMBIENTALI
Rinnovo Ciclo Attivato In Precedenza
Sede Amministrativa C.I. DI RICERCA AMBIENTE "CIRAM" (Cod. 290300)

Coordinatore

Cognome FEDI
Nome MAURIZIO
Qualifica PO
Dipartimento DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA TERRA
SSD GEO/11
Telefono 081 25381289
Fax 081 2538128
Email fedi@unina.it
Breve Curriculum • Laurea in Fisica 1982 • Dottore di Ricerca in Geofisica e Vulcanologia 1987; • Professore ordinario di Geofisica Applicata presso la Facoltà di Scienze dell' Università Federico II di Napoli dal 2000. • Presidente della Sezione Italiana SEG-EAGE dal 2004 al 2006. • Direttore del Laboratorio di Archeogeofisica, Centro Regionale di Competenza - INNOVA Campania dal 2003 • Deputy Editor del journal "Geophysical Prospecting (Blackwell) dal 2005 • Associate Editor del journal "Near Surface Geophysics (EAGE)" dal 2003 ad oggi • Guest Editor per volumi speciali della riviste Geophysical Prospecting e "Nonlinear process in geophysics" • Autore di oltre 100 articoli scientifici, in massima parte su riviste internazionali ad alto IF nella Geofisica Applicata INVITED SPEAKER: • 2003, South Africa Applied geophysical Society (SAGA) • 2005, 2nd AOGS Annual Meeting, Singapore • 2006, SIMAI meeting • 2008, “International Workshop GM 2008”, Hangzhou, Cina • 2012, European Geosciences Union GENERAL CHAIRMAN: • EGM 2007 International Workshop “Innovation in EM, Grav and Mag Methods:a new Perspective for Exploration”, • EAGE workshop “Electromagnetic, Gravity, and Magnetic Technologies; their impact when integrated with other geophysical and geological data”, 2008 • EGM 2010 International Workshop “Adding New Value to Electromagnetic, Gravity and Magnetic Methods for Exploration” • GNGTS dal 2002 ad oggi MEMBRO DI LAC: • 70th EAGE Conference & Exhibition incorporating SPE EUROPEC 2008 • GEOITALIA 2009, VII Earth Sciences Italian Forum • GNGTS dal 2002 ad oggi VISITING PROFESSOR: • University of British Columbia (UBC), 1997 • China University of Geosciences “(CUGB), 2008 • NGRI (Hyderabad, India), 2009 AWARDS: o CSIR Distinguished Foreign Scientist Award (INDIA), 2009 o Loránd Eötvös Award 2010 o "Lectio Magistralis" al 30° Convegno GNGTS, 2011 PROGETTI DI RICERCA/CONVENZIONI MIUR, 1998; 2000; 2002; PRIN 2005; 2007; Centro Regionale di Competenza INNOVA; ENI S.p.A. 2002; 2004; 2006; 2010; 2012; INGV 2003; 2003; 2005; Regione Campania, 2005; IAMC-CNR 2012

Dipartimenti Proponenti:

  • C.I. DI RICERCA AMBIENTE "CIRAM" (Cod. 290300)
  • DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA AGRARIA E AGRONOMIA DEL TERRITORIO (Cod. 100950)
  • DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IDRAULICA, GEOTECNICA ED AMBIENTALE (Cod. 101190)
  • DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA MECCANICA PER L' ENERGETICA (Cod. 100380)
  • DIPARTIMENTO DI MATEMATICA E APPLICAZIONI R.CACCIOPPOLI (Cod. 100200)
  • DIPARTIMENTO DI SCIENZE BIOLOGICHE (DELLE) (Cod. 101120)
  • DIPARTIMENTO DI SCIENZE DEL SUOLO, DELLA PIANTA, DELL'AMBIENTE E DELLE PRODUZIONI ANIMALI (Cod. 101110)
  • DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA TERRA (Cod. 101140)

Consorzio Universitario

Non Consorziato.

Indirizzi

Nessun Indirizzo.

Collegio Dei Docenti

CognomeNomeQualificaDipartimentoSSD
BARRA DIANA PA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA TERRA GEO/01 - PALEONTOLOGIA E PALEOECOLOGIA
BASILE ADRIANA PA DIPARTIMENTO DI SCIENZE BIOLOGICHE (DELLE) BIO/01 - BOTANICA GENERALE
CALCATERRA DOMENICO PO DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IDRAULICA, GEOTECNICA ED AMBIENTALE GEO/05 - GEOLOGIA APPLICATA
CORNIELLO ALFONSO PO DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IDRAULICA, GEOTECNICA ED AMBIENTALE GEO/05 - GEOLOGIA APPLICATA
D'ANTONIO MASSIMO PA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA TERRA GEO/08 - GEOCHIMICA E VULCANOLOGIA
DUCCI DANIELA PA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IDRAULICA, GEOTECNICA ED AMBIENTALE GEO/05 - GEOLOGIA APPLICATA
FABBRICINO MASSIMILIANO RU DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IDRAULICA ED AMBIENTALE "GIROLAMO IPPOLITO" ICAR/03 - INGEGNERIA SANITARIA-AMBIENTALE
FAGNANO MASSIMO PA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA AGRARIA E AGRONOMIA DEL TERRITORIO AGR/02 - AGRONOMIA E COLTIVAZIONI ERBACEE
FRALLICCIARDI ANNA MARIA PA DIPARTIMENTO DI ANALISI DELLE DINAMICHE TERRITORIALI E AMBIENTALI M-GGR/01 - GEOGRAFIA
GENTILE MAURIZIO PA DIPARTIMENTO DI MATEMATICA E APPLICAZIONI R.CACCIOPPOLI MAT/07 - FISICA MATEMATICA
GIUGNI MAURIZIO PO DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IDRAULICA, GEOTECNICA ED AMBIENTALE ICAR/02 - COSTRUZIONI IDRAULICHE E MARITTIME E IDROLOGIA
GUALTIERI CARLO RU DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IDRAULICA, GEOTECNICA ED AMBIENTALE ICAR/01 - IDRAULICA
GUERRIERO GIULIA RU DIPARTIMENTO DI SCIENZE BIOLOGICHE (DELLE) BIO/16 - ANATOMIA UMANA
PAOLETTI VALERIA RD DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA TERRA GEO/11 - GEOFISICA APPLICATA
PETROSINO PAOLA RU DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA TERRA GEO/08 - GEOCHIMICA E VULCANOLOGIA
POSTERARO MARIA ROSARIA PA DIPARTIMENTO DI MATEMATICA ED APPLICAZIONI "RENATO CACCIOPPOLI" MAT/05 - ANALISI MATEMATICA
RAIA PASQUALE RU DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA TERRA GEO/01 - PALEONTOLOGIA E PALEOECOLOGIA
RAMONDINI MASSIMO RU DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IDRAULICA, GEOTECNICA ED AMBIENTALE ICAR/07 - GEOTECNICA
SPACCINI RICCARDO RU DIPARTIMENTO DI SCIENZE DEL SUOLO, DELLA PIANTA, DELL'AMBIENTE E DELLE PRODUZIONI ANIMALI AGR/13 - CHIMICA AGRARIA

Obbiettivi Formativi

Il Dottorato, a carattere estremamente multidisciplinare, intende proporre un percorso formativo di alto livello, unificando in una “visione ambientale” unitaria componenti culturali fortemente diversificate (matematiche, fisiche, geologiche, biologiche, chimiche, ingegneristiche e di analisi territoriale). Nell’ambito del dottorato verrà curata anzitutto la formazione di base, con particolare riguardo alla parametrizzazione e modellazione dei sistemi ambientali, allo scopo di definirne in modo attendibile lo stadio attuale e simularne i processi evolutivi; verranno, altresì, prese in esame le tematiche connesse alla valutazione dei diversi aspetti del rischio ambientale, analizzandone i fattori di vulnerabilità e gli approcci mirati alla prevenzione e mitigazione del rischio. L’obiettivo finale è la formazione scientifica di un ricercatore con cognizioni sia specifiche che trasversali sui sistemi e rischi ambientali, in grado di coordinare attività differenziate mirate alla soluzione di problemi specifici.

Linee di Ricerca

Biomonitoraggio

La tematica viene affrontata in maniera integrata attraverso l'analisi di organismi di acqua dolce e marina, nonché di piante terrestri

Strategie di controllo biologico

L'indagine è applicata su piante infestanti e fitofagi mediante l’utilizzo di sostanze naturali prodotte da piante e da funghi microscopici

caratterizzazione delle fitotossine

• Isolamento e caratterizzazione chimica e biologica delle fitotossine prodotte da funghi e batteri fitopatogeni di piante di interesse agrario e forestale, finalizzato allo studio ed al controllo dei processi di patogenesi

Fenomeni franosi con DInSAR

utilizzare le potenzialità dei dati satellitari per lo studio di fenomeni franosi lenti non solo sotto il profilo qualitativo, ma anche come strumento quantitativo, da utilizzare in affiancamento delle misure “tradizionali”

Monitoraggio ambientale con metodologie geofisiche

Sviluppo di algoritmi e loro applicazione per la stima di eccesso\difetto di massa nell’ambito di simulazioni numeriche che riproducono situazioni realistiche come cavità e rocce serbatoio ed analisi di queste ultime in campo ambientale

Gestione integrata dei rifiuti

prove sperimentali di biometanazione di matrici organiche di scarto a rilevante impatto a scala territoriale

Analisi sistemi idrici urbani

Definire una metodologia progettuale applicabile ai sistemi acquedottistici complessi al fine di pianificare adeguatamente gli interventi di regolazione delle pressioni di esercizio e di massimizzare i benefici conseguibili.

Rapporti di collaborazione italiani

  • IREA-CNR (Cod. 606)
  • ISTITUTO NAZIONALE DI GEOFISICA E VULCANOLOGIA (Cod. 96)
  • OSSERVATORIO GEOFISICO SPERIMENTALE, TRIESTE (Cod. 97)
  • SOPRINTENDENZA SPECIALE PER I BENI ARCHEOLOGICI DI NAPOLI E POMPEI (Cod. 355)
  • UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA (Cod. 620)
  • USGS, USA (Cod. 111)

Rapporti di collaborazione esteri

  • UNIVERSITÀ DI MADRID (Cod. 2022)
  • UNIVERSITÉ PIERRE ET MARIE CURIOE, PARIS, FRANCIA (Cod. 229)
  • USGS, USA (Cod. 153)

Convenzioni enti italiani

  • CNR (Cod. 3)

Convenzioni enti esteri

Nessuna convenzione con enti esteri

Percorso Formativo

I Anno

Il percorso formativo generale prevede l’attribuzione dei crediti in base alle seguenti categorie: a) Crediti per corsi di formazione di base, di formazione ambientale e seminari. Nell'arco dei tre anni questi crediti dovranno ammontare a 60 pari a 240 ore complessive. 

Nel primo anno i corsi di formazione di base saranno determinati dal Collegio dei Docenti  sulla scorta di un’approfondita analisi del curriculum  scientifico dei dottorandi e delle specifiche esigenze del percorso formativo della tesi. Gli studenti potranno acquisire crediti didattici sia partecipando a corsi organizzati dalla Scuola di Dottorato in Scienze della Terra, a cui fa capo il dottorato ASA, che partecipando a corsi istituzionali attivati dal dottorato ASA o nei CdL degli atenei campani. Per il primo anno l'ammontare è di 21 CFU. 

I corsi di formazione ambientale (ognuno corrispondente a 4 crediti) attivati dal dottorato ASA mirano a fornire una formazione specifica per questo Dottorato di ricerca. Nel complesso i corsi saranno finalizzati a porre i dottorandi – al di là delle specifiche competenze acquisite nei rispettivi corsi di laurea – in condizione di orientarsi in un campo di alta formazione interdisciplinare, acquisendo adeguata familiarità con i concetti ed il lessico scientifico delletematiche delle scienze dell’ambiente. Gli insegnamenti da seguire su indicazione del Collegio dei Docenti riguarderanno: 1.     discipline di base di interesse generale per la ricerca nei diversi settori disciplinari coinvolti; 2.      strumenti metodologici per la ricerca scientifica; 3.      metodologie di campionamento; 4.      metodologie di valutazione dei dati e di approccio statistico. L'ammontare dei crediti sarà paria9. 

 

II Anno

Nel secondo anno i corsi di formazione di base determinati dal Collegio dei Docenti  completeranno la formazione di base per un totale di 21 crediti (84 ore). Quelli di formazione ambientale saranno pari a 9 crediti (36 ore). L'attività didattica complessiva verrà in linea di massima espletata nel primo biennio.

III Anno

Si prevede di impegnare il dottorando prevalentemente in attività di ricerca.  Oltre a quanto gli studenti pubblicano nell'arco del triennio, riguarda un progetto specifico assegnato dal Collegio docenti già dal primo anno. Tale progetto culminerà, al terzo anno, nella dissertazione e presentazione di un elaborato di tesi. Nell'arco dei tre anni i crediti relativi all'attività di ricerca dovranno ammontare a 120.

Corsi Specifici Scuola

TitoloCognome DocenteNome DocenteDocente StranieroNumero Ore
Hydrology and consequences on time-variable gravity from ground to satellite HINDERER JACQUES 4
Superconducting gravimeters: a tool to investigate the dynamics and structure of the Earth HINDERER JACQUES 4
Applicazione delle tecniche statistiche e geostatistiche per l'analisi dei dati ambientali CIOTOLI GIANCARLO No 36
Facies analysis and sequence-stratigraphy of carbonate platforms STRASSER ANDRÈ 36
Fluids in the Earth BODNAR ROBERT J. 35
On the geodetic impact of present-day and past ice melting HINDERER JACQUES 4
Subsidence and landslide analysis through advanced DInSAR techniques HERRERA GARCIA GERARDO 8
TOTALE ORE 127

Corsi Specifici Dottorato

TitoloCognome DocenteNome DocenteDocente StranieroNumero Ore
Il Ruolo della Meteorologia nella Diffusione degli Inquinanti MAZZARELLA ADRIANO No 12
Inquinamento ambientale ed analisi di rischio ALBANESE STEFANO No 8
Inquinamento dei corpi idrici: monitoraggio ed interventi RAMONDINI MASSIMO No 4
Inquinamento dei corpi idrici: processi di trasporto GUALTIERI CARLO No 4
Inquinamento delle Acque Sotterranee: esperimenti DUCCI DANIELA No 4
Inquinamento delle Acque Sotterranee: modelling CORNIELLO ALFONSO No 4
Interventi di Ingegneria Sanitaria per la Bonifica in situ ed ex situ di Siti Contaminati FABBRICINO MASSIMILIANO No 8
Meccanismi di trasporto di inquinanti nelle falde idriche sotterranee FABBROCINO SILVIA No 4
Meccanismi di flusso e di trasporto di inquinanti nella zona vadosa DE VITA PANTALEONE No 4
Meccanismi di flusso nelle falde idriche sotterranee ALLOCCA VINCENZO No 4
Metodologie Geofisiche per lo studio ed il monitoraggio dell'inquinamento PAOLETTI VALERIA No 12
TOTALE ORE 68
 

TOTALE ORE: 195